Passa il tempo e resta solo la frase di una canzone…

E intanto dimentico tutto
dimentico tutti
i luoghi che ho visto, le cose che ho detto
i sogni distrutti…

Paralisi…

Impossibile per me riuscire a fermare il mio cervello quando entra in quella specie di shock a pensare che certe cose che tu nn vedi l’ora che arrivino e a me terrorizzano… Tra un attimo è un anno… Ed io ho paura!

Il bacio…

Dopo i cinque sensi ed i cinque elementi… C’è il bacio… Lui… Importante come non mai, indice dello stato delle cose, tanto da essere stato contemplato nei secoli da ogni forma di arte possibile… Purtroppo, troppo spesso sottovalutato dai comuni mortali… Principalmente di sesso maschile… Immagine di una fine o sigillo di un inizio, il bacio è un contatto tanto intimo che per alcune culture può superare in importanza anche quello sessuale…

Bello, dolce, improvviso, desiderato, passionale, d’amore… 10… 100… 1000… modi di baciare e altrettanti di rispondervi… moltiplicato all’ennesima potenza quello che si prova e che si pensa… Credo fermamente che un bacio può dire mille cose… dice tutto… anzi parla… parla… parla ache troppo quando tutto il resto tace… Perchè se la mente e la consapevolezza arrivano fervidamente a conclusioni… quello che trasmette il nostro corpo… il contatto… è immediato… diretto… sincero… forse come noi non riusciremo ad essere mai.

167470_ZJIIREOU6ZNZXACNCGWOV2O178UI6H_il_bacio_di_toulouse_lautrec_H095358_L

PAOLO E FRANCESCA
Dante (Inferno – canto V)
 
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
 mi prese del costui piacer sì forte,
 che, come vedi, ancor non m’abbandona.
 “Noi leggiavamo un giorno per diletto
 di Lancialotto come amor lo strinse;
 soli eravamo e sanza alcun sospetto.
 
Per più fïate li occhi ci sospinse
 quella lettura, e scolorocci il viso;
 ma solo un punto fu quel che ci vinse.
 
Quando leggemmo il disïato riso
 esser baciato da cotanto amante,
 questi, che mai da me non fia diviso,
 
la bocca mi baciò tutto tremante.
 Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse:
 quel giorno più non vi leggemmo avante.

auguste rodin - paolo e francesca

BACIAMI
Jaques Prévert

In un quartier della ville Lumière
Dove fa sempre buio e manca l’aria
E d’inverno come d’estate è sempre inverno
Lei era sulle scale
Lui accanto a lei e lei accanto a lui
Faceva notte
C’era un odore di zolfo
Perché nel pomeriggio avevano ucciso le cimici
E lei gli diceva
è buio qui
Manca l’aria
E d’inverno come d’estate è sempre inverno
Il sole del buon Dio non brilla da noi
Ha fin troppo lavoro nei quartieri ricchi
Stringimi tra le braccia
Baciami
Baciami a lungo
Baciami
Più tardi sarà troppo tardi
La nostra vita è ora
Qui si crepa di tutto
Dal caldo e dal freddo
Si gela si soffoca
Manca l’aria
Se tu smettessi di baciarmi
Credo che morirei soffocata
Hai quindici anni ne ho quindici anch’io
In due ne abbiamo trenta
A trent’anni non si è più ragazzi
Abbiamo l’età per lavorare
Avremo pure diritto di baciarci
Più tardi sarà troppo tardi
La nostra vita è ora
Baciami!

doisneau-bacio-hotel-de-v1

Se per baciarti dovessi poi andare all’inferno, lo farei. Così potrò poi vantarmi con i diavoli di aver visto il paradiso senza mai entrarci.

Anonimo attribuito a William Shakespeare

tumblr_m1pit4GEXE1qacnpio3_r1_1280

Succede ai baci come alle confidenze: uno tira l’altro, e viva via si fanno più vicini e caldi.

Vivant Denon, Point de lendemain, 1777

Il bacio gaetano vicari

Il rumore di un bacio non è così forte come quello del cannone, ma la sua eco dura molto più a lungo.

Oliver Wendell Holmes (senior), Il professore alla prima colazione, 1860

tumblr_lty9vhhrRt1qlgfteo1_500

L’amore degli uomini si distingue dalla stupida foia delle bestie soltanto per due funzioni divine: la carezza e il bacio.

Pierre Louÿs, Afrodite, 1896

06.marty Hatcher, Marty - bacio in metropolitana

Gioie violente hanno fini violente. Muoiono nel loro trionfo, come la polvere da sparo e il fuoco che si consumano al primo bacio. Il miele più dolce diventa insopportabile per la sua eccessiva dolcezza: assaggiato una volta, ne passa per sempre la voglia. Amatevi dunque moderatamente, così dura l’amore.

William Shakespeare, Romeo e Giulietta, ca. 1596

dicksee_romeo

DAMMI MILLE BACI
Catullo

Viviamo, Lesbia mia, e amiamo
e non badiamo alle chiacchiere
dei soliti vecchi troppo severi.
Il sole tramonta e poi risorge, ma noi,
una volta che il nostro breve giorno si è spento,
dobbiamo dormire una lunga notte senza fine.
Dammi mille baci, poi cento
poi altri mille, poi ancora cento
poi altri mille, poi cento ancora.
Quindi, quando saremo stanchi di contarli,
continueremo a baciarci senza pensarci,
per non spaventarci e  perché nessuno,
nessuno dei tanti che ci invidiano,
possa farci del male sapendo che si può,
coi baci, essere tanto felici.

canovasi9

much in bacio

2011_47739_108730

398814_10151384716835184_1624881427_n

bacio5

bacio di alfred eisenstaedt  giuseppe_amisani_cleopatra_lussuriosa

A te che baciarmi non mi basta mai… a te che il tuo odore il tuo sapore inebriano i giorni miei… sconvolgono la mia testa… i tuoi baci hanno legato il mio cuore al tuo e imprigionato la mia anima… a te che se non mi dai il bacio del buon giorno e quello della buona notte diventano un tormento… a te con cui faccio “zizzo”… a te che adesso sento tanto lontano… torna presto mi manchi…