Paure…

Le paure spesso sono incontrollate… Spesso hanno effetto deleterio… E ancora più spesso sono come un cane che si morsica la coda… Paure che danno origine a nuove paure e così via… Triste ma reale.
Gli eccessi in un senso o nell’altro fanno male… Non portano a niente… Ed è vero quanto scontato che chi è a provare certe cose non è chi sta anche ad analizzarle e anche eventualmente giudicarle.

28 Ottobre…

Un passo me ne vado
per sempre
un passo grande un passo così importante
Due passi senza guardarti
due passi avanti
due passi per dimenticarti
Tre passi verso le stelle
fino a toccarle
tre passi per avvicinarle

Quando tornerai
No che non tornerò
Quando tornerai
Lontano da qui sarò
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Quando tornerai
Ho fatto un passo ormai
Quando tornerai
Così lontani sai
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Quattro passi voglio ricordarti
rivedo i nostri sguardi
quattro passi forse è già tardi
Cinque passi senza cadere
continuo a camminare
cinque passi per perdonare
Mille passi senza voltarmi
non voglio più contarli
mille passi per guardare avanti

Quando tornerai
No che non tornerò
Quando tornerai
Lontano da qui sarò
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Quando tornerai
Un passo via da noi
Quando tornerai
Siamo lontani ormai
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Quando tornerai
No che non tornerò
Quando tornerai
Lontano da qui sarò
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Quando tornerai
Un passo via da noi
Quando tornerai
Siamo lontani ormai
Quando tornerai
Un giorno forse mai

Un giorno forse mai
Forse mai.

Saggezza…

La vita è un fulmine… Ma prenderlo nel c… È un lampo!
Oggi c’è il sole a dire il vero… Autunno inoltrato in un Ascoli verde e fresca… Vorrei dire mille cose, ma poi mi distraggo a contare e lascio perdere… Cercare di far impazzire chi sta lì a studiare le tue mosse come se fossi una cavia da laboratorio… Sperare di riuscirci… Ma spesso a mala pena essere notata… Un amore che desidera sempre di più… Che nn si accontenta… Che ti consuma dal desiderio e la voglia… Lasciarsi andare come le foglie d’autunno quando cadono… In quella frazione di secondi dove sono veramente libere… Nn più legate al loro albero e neanche adese al suolo… Cullate dal vento… E poi ci sono quelle poche foglie che restano lì attaccate… Le stagioni passano cambiano colore, ma loro sono lì… Albero e foglie… Che sia una… Con la speranza che il vento nn se le porti via… Ne le tempeste… Ne il sole cocente… Se dovesse accadere nn potrebbero che desiderare che sia per sempre… E se invece nn lo fosse che sia una quercia secolare con inciso sul tronco:”infinite volte l’infinito”.

Notte…

Non è nelle mie intenzioni abbandonare mai ciò che faccio e ciò in cui credo…